SPAZIO EMERGO

"Quando l'orecchio si affina, diventa un occhio" (Rumi)

Spazio Emergo nasce da  un'esigenza semplice: ridare centralità all'Ascolto e al Racconto, senza necessariamente etichettare questa esperienza come percorso terapeutico.

Terapeutico è l'atto stesso di stare in ascolto di  racconti, storie, fiabe, di una dimensione che stiamo dimenticando ma che è profondamente radicata in ognuno di noi.

Come scrive giustamente Clarissa Pinkola Estes "Se il Mondo ha un'anima e se l'anima vuole delle storie,  allora anche il Mondo ha bisogno di storie, di riparazione, forza e discernimento"

Da qui la proposta di gruppi "informali", che possano essere spazio di confronto e racconto di sé, per offrire la possibilità di vedersi rispecchiati negli altri e connettersi profondamente a sé stessi, individuando una nuova direzione.

Nell'incontro individuale offro uno spazio di ascolto attivo, che non punta a rispondere ma a comprendere e, al tempo stesso, la possibilità del silenzio, come esserci senza esprimersi.

​Dietro al racconto, infatti, esiste il non detto, il rimosso, quel mondo sommerso di credenze (famigliari e personali) che chiede appunto di emergere, essere visto e integrato.

La domanda che tutto guida è "Qual è il Racconto?", perchè  saper dare voce e chiamare le cose col giusto nome è il primo passo verso la consapevolezza e la guarigione.